PROGETTO

Vigna Petrussa

SCEGLI

Seleziona quanti litri di vino vuoi adottare e osserva in anteprima le modalità di imbottigliamento che avrai a disposizione in fase di produzione della tua riserva personale, che potrai assaporare a partire da: 03-2024

Scegli la quantità desiderata
1
Botte1
Otterrai una produzione di3 litri
Che in fase di produzione potrai facilmente personalizzare nei seguenti formati
Tooltip information symbol

Mezzina (8 unità da 0.375 L)

Per un totale di

€289.00


 Fai un regalo!
Adotta la tua botte
Picolit
Picolit

Il Picolit è un vitigno autoctono friulano a bacca bianca, noto sin dall’epoca romana. La sua diffusione si deve al Conte Fabio Asquini da Fagagna che fece conoscere questo vino bianco in tutta Europa, dalla corte papale a quella imperiale austriaca. I grappoli sviluppano pochi acini verdi per via di un aborto floreale che comunque comporta al loro interno un’alta concentrazione di aromi e zuccheri. Può essere coltivato solo nella provincia di Udine

caratteristiche
Tipo di vino
Tipo di vino

Picolit

Passaggio in botte
Passaggio in botte

No

Corpo
Corpo

Strutturato

Gradazione
Gradazione

13.5

Annata
Annata

2018

Anno consumo ideale
Anno consumo ideale

2023/2027

Vitigni: Picolit


Vinificazione: Le uve vengono raccolte in cassette e fatte appassire fino a metà dicembre. Dopo una breve macerazione sulle bucce subisce una soffice pressatura. Terminata la fermentazione alcolica viene posto in piccole botti di legno per 24 mesi.


Temperatura di conservazione: 4


Temperatura di degustazione: 14


Colore e Sfumature: Giallo oro intenso


Sentori: accattivante e dalle sensazioni dolci che evolvono nel tempo. Fiori di calla, di rosa bianca, zenzero, dattero, confettura di mela cotogna, zuppa inglese, uva sultanina, fichi secchi, mandarino, nashi, ciliegia bianca. Nel calice, durante l'assaggio, si evidenziano spiccate percezioni sensoriali derivate dall'infavatura.


Abbinamenti: Il Picolit è un cosiddetto “vino da meditazione”, da sorseggiare dopo cena al fine di rilevarne ogni sapore e sfumatura, in un ambiente rilassato. Può essere ovviamente anche bevuto in abbinamentio ad un pasto importante, in particolare con protagoniste pietanze quali paté d’oca, crostacei crudi ed ostriche e formaggi erborinati


Certificazioni: DOCG


Vitigni: Picolit


Vinificazione: Le uve vengono raccolte in cassette e fatte appassire fino a metà dicembre. Dopo una breve macerazione sulle bucce subisce una soffice pressatura. Terminata la fermentazione alcolica viene posto in piccole botti di legno per 24 mesi.


Temperatura di conservazione: 4


Temperatura di degustazione: 14


Colore e Sfumature: Giallo oro intenso


Sentori: accattivante e dalle sensazioni dolci che evolvono nel tempo. Fiori di calla, di rosa bianca, zenzero, dattero, confettura di mela cotogna, zuppa inglese, uva sultanina, fichi secchi, mandarino, nashi, ciliegia bianca. Nel calice, durante l'assaggio, si evidenziano spiccate percezioni sensoriali derivate dall'infavatura.


Abbinamenti: Il Picolit è un cosiddetto “vino da meditazione”, da sorseggiare dopo cena al fine di rilevarne ogni sapore e sfumatura, in un ambiente rilassato. Può essere ovviamente anche bevuto in abbinamentio ad un pasto importante, in particolare con protagoniste pietanze quali paté d’oca, crostacei crudi ed ostriche e formaggi erborinati


Certificazioni: DOCG